informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Ruoli aziendali e organizzazione d’impresa: quello che devi sapere

Commenti disabilitati su Ruoli aziendali e organizzazione d’impresa: quello che devi sapere Studiare a L'Aquila

Ruoli aziendali? Non stabilirli è da pazzi. Perché l’importanza dell’organizzazione in un’azienda è la base di ogni singolo successo. Il mercato è ampio e competitivo e non c’è modo di entrarci o, ancor più, di restarci se non sei pronto alla guerra. E alla guerra non si va senza un esercito, senza armi e senza strategie. Ecco perché navigare a vista non paga più mentre diventano essenziali i professionisti della pianificazione aziendale. Quali risorse servono al tuo business? Quanto personale? Con quale competenza? Ci vuole qualcuno in grado di dare risposte a questi quesiti ed in grado di dare nuove traiettorie al volo di un giro d’affari. Vorresti essere tu? Potresti essere tu? Perché no? Continua a leggere e ne saprai di più.

Ruoli aziendali? Sì, come insegna quello splendido documento che è la nostra Costituzione. La divisione dei poteri è alla base di un quieto vivere e la regola vale anche per la vita lavorativa.

Ormai il mercato non è più italiano ma europeo e, spesso, mondiale. Si tratta, quindi, di specializzarsi quanto prima in settori e micro-settori. I tuttologi non hanno più motivo di esistere.

Questo cosa comporta? Un po’ di cose.

Innanzitutto che l’architettura di un’azienda di successo passa da un organigramma ben fatto, e cioè dove ognuno ha il suo ruolo preciso e il suo bagaglio di responsabilità a cui rispondere.

Poi va detto che la professionalità nuova passa dal considerare una laurea solo un primo titolo di studio per affidare, invece, ad un master l’opportunità di acquisire davvero il know-how che serve. Lo dimostra il successo dell’offerta formativa di corsi post laurea di Unicusano che nel mondo economico prospera.

Master in gestione dei ruoli aziendali

Un esempio di corsi post laurea che insegnano a gestire un organigramma? Si tratta del master di primo livello in “Gestione del coordinamento nelle professioni sanitarie“.

Materie del master

Il primo passaggio per mettere a fuoco questa opportunità formativa è capire cosa si studia per gestire le professioni sanitarie. Ecco lo scheletro delle materie riportato in modo pedissequo dal sito per correttezza e completezza d’informazione:

  • Gestione dei servizi sanitari;
  • Economia aziendale;
  • Economia e gestione delle imprese;
  • Organizzazione aziendale;
  • Sociologia dei processi economici e del lavoro;
  • Strumenti d’analisi della gestione dei servizi;
  • Sociologia generale;
  • Psicometria;
  • Gestione delle risorse umane e formative;
  • Competenze relazionali nelle professioni sanitarie;
  • Psicologia sociale;
  • Psicologia del lavoro e delle organizzazioni;
  • Sociologia dei processi culturali e comunicativi;
  • Aspetti giuridici della responsabilità nelle professioni sanitarie;
  • Istituzioni di diritto pubblico;
  • Diritto del lavoro;
  • Diritto dell’Unione europea;
  • Aspetti etici e medico legali della responsabilità nelle professioni sanitarie;
  • Storia della medicina;
  • Filosofia morale;
  • Medicina legale;
  • Deontologia ed etica nelle professioni sanitarie.

Numeri del master

Se questa infarinatura multidisciplinare ti interessa, ecco con cosa dovrai fare i conti per decidere se vale la pena seguire questi studi:

  • 1500 ore complessive di lezioni online;
  • 60 Crediti Formativi Universitari – CFU;
  • 1500 euro di costo del master.

Sbocchi professionali del master

E dove lavora un esperto di coordinamento delle professioni sanitarie? Ecco alcune possibili direzioni:

  • ospedali pubblici;
  • cliniche private;
  • ambulatori;
  • assicurazioni mediche di categoria;
  • Ministero della Sanità.

Mansionario aziendaleMansionario aziendale

All’interno dei ruoli aziendali, poi, ci sono delle specifiche. Una di esse è il mansionario aziendale.

Lo scopo di un mansionario aziendale è quello di “definire con precisione ciò che compete a ogni singola posizione”. Di base, è quello che idea e realizza l’organizzazione aziendale con un criterio che abbia un senso di produttività.

E quindi, nel concreto, quali sono le competenze di un mansionario aziendale? Godendo di un po’ di dono di sintesi, sono le seguenti:

  • definire chiaramente ogni posizione lavorativa, senza ambiguità;
  • fornisce informazioni aggiornate sulle competenze necessarie per ogni mansione;
  • responsabilizzare il lavoratore assegnando obiettivi chiari;
  • consentire di valutare le performance di un lavoratore sulla base di aspettative condivise;
  • evidenziare eventuali necessità formative legate alle singole posizioni;
  • fornire supporto in caso di cambiamenti e nuove assunzioni;
  • permettere di evitare sovrapposizioni e di avere tutte e solo le figure necessarie.

E’ chiaro che questo tipo di figura vada in evidente contrasto con la figura dell’ingegnere gestionale che, sempre più, sta prendendo piede. La verità è che non c’è una scala di valori in tal senso ma una diversa visione dello stesso tema. A poterselo permettere, sarebbe bene avere tutti e due i punti di vista.

Per mettere più a fuoco questi dettagli, è bene entrare più nel vivo di cosa fa un mansionario aziendale.

Dono della sintesi

Per avere una visione globale di un’azienda è bene saper catalogare in fretta e senza dubbio tutti per area di competenza, dipartimento e responsabilità da seguire. E’ bene creare un documento di sintesi in cui devono esserci tutte le informazioni di base, in modo da aver subito chiaro il profilo ricercato.

Funzioni della posizione

Un bravo professionista deve saper delineare la mansione di un dipendente il più dettagliatamente possibile, con un elenco preciso di attività svolte e conseguenti responsabilità da seguire.

Stabilire i titoli

Un bravo mansionario aziendale deve stabilire, per ogni risorsa dell’organigramma, quale percorso di studi bisogna aver fatto per ricoprire la posizione con domande tipo:

  • Basta il diploma o è indispensabile una laurea magistrale?
  • Che esperienza pregressa è richiesta?
  • Quale know how deve presentare il candidato?

Requisiti specifici

Ogni posizione è creata in negativo dalle caratteristiche e competenze specifiche. Un bravo mansionario aziendale deve saper descrivere in modo approfondito tutti i requisiti necessari per ricoprire il ruolo distinguendo tra:

  • conoscenze di base;
  • competenze tecniche;
  • conoscenze specifiche;
  • competenze trasversali.

Ruolo aziendale: come metterlo a fuoco

Non è facile creare un organigramma ma neanche un compito difficile. Bisogna sapersi muovere all’interno di alcuni importanti confini.

Far coincidere obiettivi personali con obiettivi privati

Perché non c’è nulla che renda di più a livello di produttività di qualcuno che si sente a casa, in famiglia, e che abbia voglia di crescere come persona ma all’interno di una precisa struttura.

Conoscere le risorse aziendali

Chi è ignorato è di pessimo umore. Non fa piacere a nessuno sentirsi una nullità e rendere bene quando credi di essere invisibile è impossibile. E poi rischi di perdervi dei talenti in casa che potrebbero risolverti molti problemi.

Fissare sotto obiettivi

Perché il “piatto ricco” interessa tutti ma non è facile puntare sempre in alto. Semmai, per tenere alto l’umore della truppa, ha senso fissare dei passaggi intermedi che aiutino a dare un senso di squadra e il cui raggiungimento crei soddisfazione generale.

Fissare premi

Strettamente collegato al punto di sopra è questo perché i riconoscimenti, ancor più se monetari, fanno piacere a tutti. Devi dare delle molliche per far camminare il Pollicino che alberga nella tua azienda.

Lavorare sui neo-assunti

Entrare in una famiglia già consolidata è tutt’altro che facile. Non mettere da parte i giovani che vivono questa difficoltà e che, se aiutati e portati per mano, possono invece dare una ventata di freschezza unica al tuo mondo.

Monitorare costantemente

I ruoli aziendali sono ottimi se non è intaccabile. Ognuno deve rispondere dei propri risultati. Se non arrivano, va capito perché. Se arrivano, va capito se migliorare il contesto lavorativo.

*** Se ti interessano i ruoli aziendali, forse ti interessa anche questo articolo su come leggere e scrivere un curriculum in inglese ***

Se è chiaro che i ruoli aziendali nascono per dare all’albero azienda modo di crescere, è chiaro che il tuo ruolo, ora, sia solo di studente.

Non lo dimenticare.

Anzi, impegnati ad avere maggiori dettagli sulla tua formazione leggendo gli articoli del nostro blog accademico della città dell’Aquila o facendoci domande dirette attraverso il nostro form informativo.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali