informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come studiare quando si è tristi?

Commenti disabilitati su Come studiare quando si è tristi? Studiare a L'Aquila

Guardi il libro senza memorizzare nulla e ti chiedi come studiare quando si è tristi? Se sei in un periodo poco produttivo, non devi flagellarti con inutili sensi di colpa. Può capitare a tutti di sentirsi poco motivati, stanchi o depressi. Hai già compiuto un passo avanti nella risoluzione del problema nel momento stesso in cui hai riconosciuto di essere in difficoltà. Ora, leggi i nostri consigli e scopri come affrontare il tuo stato d’animo, soprattutto in prossimità di prove importanti come il primo o l’ultimo esame.

Studiare quando non si ha voglia: prova ad alzarti con il piede giusto

Come studiare quando si è tristi? Iniziando dal risveglio. Spesso la mancanza di motivazione si autoalimenta a causa di pensieri negativi. Secondo diverse ricerche scientifiche, infatti, anticipare gli eventi stressanti ha un impatto negativo sulle capacità cognitive. Purtroppo, però, la tristezza induce ad assumere esattamente questo atteggiamento. Prova a rifletterci un attimo: qual è la prima cosa che fai al mattino? Pensi alla giornata di studio che ti aspetta e cominci a disperarti. Ebbene, soffermarsi sulla pesantezza della giornata produce due effetti negativi, vale a dire aumenta la tua tristezza/depressione e riduce le tue capacità di concentrazione.

Per evitare questo circolo vizioso dovresti concederti sempre una bella dormita rigenerante, fare una colazione abbondante e cercare di non pensare allo studio fino a quando non devi sederti alla scrivania.

Prova a fare un semplice esercizio mentale. Non appena la tua mente va all’esame, concentrati su altro in modo da non anticipare lo stress derivante da un’attività che ti risulta più difficile del solito a causa del tuo stato di depressione. Ricordati sempre che anticipare lo stress riduce le tue facoltà mnemoniche.

Come studiare quando si è tristi? Rompi il circolo vizioso

Come abbiamo già detto tristezza alimenta tristezza. Devi spezzare questo circolo vizioso per poter diventare produttivo.

La tristezza, infatti, è una condizione che ha sempre una causa. Nel caso di uno studente universitario i motivi potrebbero essere diversi, da un esame andato male al rischio concreto di finire fuori corso fino alla convinzione di essere una delusione per i familiari o la fidanzata/o.

Per dare una svolta alle tue giornate prova a dedicarti a delle piccole attività gratificanti, capaci cioè di migliorare la tua autostima. Non devi fare niente di eclatante. Si tratta di attività della durata di pochi minuti che contribuiscono a renderti più positivo, soprattutto quando sono cose che rimandavi da tempo:

  • rimetti in ordine lo spazio dedicato allo studio
  • compra delle piantine o una nuova lampada per la scrivania
  • fai ordine tra documenti, bollette, comunicazioni e lettere da conservare
  • fai un piccolo lavoretto in casa (cambio lampadine, appendi un quadro/foto)
  • dai una sistemata all’armadio
  • fai piccole pulizie straordinarie (lava le tapparelle, dai una sistemata a balconi e verande, pulisci la lettiera del gatto e così via)
  • dedicati alla cura di te (se sei un uomo, fatti la barba o dai una sistemata ai capelli, mentre se sei una donna depilati, laccati le unghie e cose di questo tipo)

Azioni concrete, e spesso banali, hanno un positivo effetto a cascata. Dopo aver rimesso in ordine l’armadio, dove si accumulavano vestiti alla rinfusa, ti sentirai così soddisfatto da prendere in mano i libri con più lena.

Non pretendere troppo da te stesso

Affrontare un momento di tristezza significa anche concedersi il tempo necessario per capire cosa ti sta succedendo. Fai un passo alla volta e cerca di ridurre le ore da destinare allo studio.

Per superare la difficoltà è bene evitare di imporsi obiettivi superiori alle proprie forze. Fissa dei piccoli step quotidiani più raggiungibili. In questo modo lo sforzo per ottenere il risultato previsto sarà inferiore e, di conseguenza, più fattibile per te. Al contrario se ti proponi di studiare otto ore al giorno, vivrai la frustrazione di non riuscire nel tuo intento e finirai con il sentirti ancora più triste.

Sei titubante perché pensi che la modalità a piccoli passi potrebbe comportare una eccessiva dilatazione dei tempi necessari per preparare i tuoi esami? In realtà, non è così. Nello stato d’animo in cui sei, infatti, rischi di perdere molto più tempo stabilendo obiettivi che finirai con il percepire come delle montagne insormontabili.

Avvicinarsi allo studio a piccoli passi, inoltre, ti aiuta a scacciare la depressione e a ritrovare te stesso. Cosa significa? Quando ti sentirai di nuovo in forma, potrai riprendere il tuo ritmo di studio normale.

Non avere paura di rivolgerti a un professionista

Ti sei posto la domanda “come studiare quando si è tristi?”, ma il tuo problema è molto più articolato e complesso? Ci sono situazioni in cui è bene rivolgersi a un professionista. Se la tristezza deriva da un lutto, dalla fine di un rapporto d’amore o da una problematica fisica, vale a dire da eventi e situazioni non attinenti allo studio, la soluzione migliore potrebbe essere quella di chiedere un aiuto. Lavorare sulle cause dei tuoi stati d’animo, infatti, ti consente di ritrovare la concentrazione e la motivazione per studiare meglio

Credits immagine: DepositPhoto.com/Brnmanzurova

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali