informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Primo e ultimo esame: come affrontarli?

Commenti disabilitati su Primo e ultimo esame: come affrontarli? Studiare a L'Aquila

Vuoi vivere un buon percorso universitario e cerchi informazioni sul primo e ultimo esame? Sono entrambi delle tappe molto importanti. Il primo esame è una sorta di banco di prova per rompere il ghiaccio, mentre l’ultimo esame rappresenta lo sforzo finale prima di raggiungere il traguardo.

Consigli e suggerimenti su come affrontarli sono molto preziosi per evitare che queste due prove si trasformino in scogli insormontabili. Scopri insieme a noi come fare a superarli e a terminare gli studi con successo.

Primo e ultimo esame: tieni a bada l’ansia

Primo e ultimo esame sono caratterizzati sempre da un picco di ansia, anche se scatenata da motivazioni diverse.

Nel caso del primo esame si tratta di panico da prima volta. Non hai mai affrontato prima questo tipo di prova e l’insorgere di un po’ di tensione è assolutamente normale. In occasione dell’ultimo esame, invece, il panico è quello tipico da prestazione finale. Dopo un percorso di 3/2 anni ti troverai a dover gestire stanchezza e cali di concentrazione, che potrebbero avere come conseguenza un aumento della tensione. Come fare per tenerla a bada? Non pensare all’ansia come a un nemico. Il tuo obiettivo non è combatterla con aiuti farmacologici, ma mantenerla a livelli accettabili. Se l’ansia non raggiunge picchi pericolosi, può essere un ottimo stimolo a fare meglio. Prova a rifletterci. Quando sei ansioso per un esame, ti senti anche spronato a fare di più e a dare il meglio di te per non fallire la prova. 

In caso dovessi notare un certo aumento della tensione, usa questi stratagemmi:

  • adotta una tecnica di rilassamento
  • concentrati sul respiro prima di studiare. Trova cioè una posizione comoda e inspira ed espira focalizzandoti solo sul flusso d’aria. Vedrai che ti aiuterà a rilassarti
  • pratica la meditazione
  • scaricati con lo sport (corsa, nuoto, ginnastica)
  • stabilisci una routine pre esame

L’ultimo suggerimento ha una funzione molto tranquillizzante il giorno stesso dell’esame. Per mettere in atto la tua routine cerca prima di tutto di capire cosa ti fa stare bene. Adori, per esempio, le colazioni al bar con cappuccino e brioche? Allora, fai la tua colazione in caffetteria prima di ogni esame e trasformala in una routine. Questo semplice stratagemma ti sarà utilissimo per arrivare calmo davanti al tuo professore. 

Primo esame: metti in conto il fallimento

Nel caso del primo esame, in particolare, devi imparare a mettere in conto la possibilità di non superarlo. Tutte le cose mai affrontate prima hanno una componente di novità che potrebbe risultare spiazzante.

Per non trasformare una eventuale bocciatura in un problema, impossibile da superare, prova a considerare l’ipotesi di una prova da ripetere. In fondo, errare è umano e la percentuale di errore aumenta in caso di prime volte. Non c’è niente di male nel dover ripetere un esame, basta fare tesoro degli insegnamenti ricavati dagli sbagli commessi.

In caso di esito negativo cerca cioè di capire dove hai sbagliato: il tuo metodo di studio non ha funzionato? Ti sei fatto assalire dal panico? Sei stato sveglio tutta la notte a ripetere? Ecco, le immersioni totali la sera prima di un esame non sono mai una buona idea. Meglio concludere tutto con un giorno di anticipo e passare le ultime 24 ore a rilassarsi.

Per superare il primo e l’ultimo esame studia per obiettivi

Per rendere più efficace lo studio devi stabilire una tabella di marcia. Fissa ogni giorno il numero di pagine da studiare, gli appunti da rivedere e le cose da ripetere. Organizza cioè una sorta di piano d’attacco che ti consenta di terminare tutto entro la data dell’esame. Ricordati sempre: meglio finire il programma con un giorno di anticipo. Prevedi anche dei giorni di pausa, molto utili in caso di imprevisti che non ti consentano di studiare.

Può sembrarti una cosa noiosa, ma è molto efficace anche per tenere a bada l’ansia. Se non vuoi farlo usando carta, calendario e penna, scarica un’applicazione. Qui sotto, te ne proponiamo un paio:

  • Agenda studio per Android e iOS
  • My Study Life per Android e iOS

Stabilire un piano giorno per giorno ti consente di adottare una strategia di studio per obiettivi. Al termine della singola giornata, infatti, devi sempre verificare se sei riuscito a fare tutte le cose in calendario.

Questo metodo ti aiuta a essere costante, favorisce l’aumento delle sicurezza e riduce la tensione. Fissare degli obiettivi misurabili e quantificabili (il numero di pagine da studiare in un giorno) ha un effetto molto positivo sul tuo stato d’animo. Sapere che stai procedendo nella maniera giusta, infatti, ti fa essere più sereno. E la serenità è fondamentale per dare il meglio di te nello studio. 

Aiuta la memoria

Se il primo e ultimo esame sono pieni di dati e di informazioni da memorizzare, affidati a una tecnica che aiuta la memoria. Le mappe mentali, per esempio, sono molto efficaci da questo punto di vista. Ti basta costruirle a partire da un nucleo centrale (argomento principale) da cui si diramano tutte le sottocategorie per parole chiave. In questo modo sviluppi tutto un concetto e lo memorizzi in maniera molto più rapida. Ci sono anche degli strumenti tecnologici che ti vengono in aiuto. Esistono cioè dei software per la costruzione delle mappe mentali:

  • iMindMap, software a pagamento per Windows e Mac. È disponibile anche con la prova gratuita per 7 giorni
  • MindMeister software per Windows e Mac completamente web-based. Potrai cioè avere le tue mappe sempre aggiornate nel cloud
  • Coogle, software disponibile sia nella versione a pagamento che in quella gratuita

Per aiutare la memoria puoi anche utilizzare la tecnica del ripasso. Qui sotto, qualche suggerimento per applicarla:

  • ogni 20 minuti di studio fai un elenco con i punti che desideri fissare bene
  • al termine dalla giornata di studio ripassa i punti segnati in elenco
  • dopo tre giorni, riprendi i punti e ripassali un’altra volta

Questa tecnica ti aiuterà a ricordare meglio i concetti chiave che hai selezionato, aiutando la tua memoria a lungo termine.

Liberati dai pensieri negativi

Spesso il primo e ultimo esame sono accompagnati da pensieri di questo tipo: il programma è troppo lungo non ce la farò mai; il prof boccia tutti perché io dovrei superare l’esame?; non mi sento pronto, meglio rimandare; non sono abbastanza preparato; questo esame è impossibile.

Tutti questi pensieri non ti aiutano ad avere la serenità giusta per studiare. L’autostima bassa è un brutto handicap, perché fa sì che studiare bene diventi più difficile. Aprire i libri con l’idea che tutti gli sforzi saranno vani rende le ore di studio davvero poco proficue. Finirai cioè per trasformare in realtà quelli che sono solo pensieri poco positivi.

Per evitare che l’autostima bassa influenzi negativamente la tua preparazione, devi stare sempre allerta. Non appena senti che stai formulando uno dei pensieri elencati sopra, fai un semplice esercizio: trasforma la frase da negativa in positiva.

Una dichiarazione come “non supererò mai questo esame” diventa “supererò questo esame” oppure “non mi sento pronto, meglio rimandare” diventa “sarò pronto perché non voglio rimandare”.

Questo semplice esercizio, applicato con costanza, è una sorta di mantra che aiuta a non scivolare nell’autocommiserazione. Nel caso poi dell’ultimo esame, ci sono già tutti quelli superati a fare da stimolo positivo. In fondo, se hai già sostenuto con successo 15 o 20 esami, perché mai non dovresti superare l’ultimo?

Credits immagine: DepositPhoto.com/KrisCole

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali