informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Video della modella musulmana in minigonna? Occasione formativa

Commenti disabilitati su Video della modella musulmana in minigonna? Occasione formativa Studiare a L'Aquila

Come si connettono tra loro il video della modella musulmana in minigonna che sta facendo impazzire la rete con la possibile formazione che potreste avere da Unicusano Cagliari? Il link c’è ed è molto netto. Partiamo dai fatti di attualità per spiegarvelo. Una donna, che si fa chiamare solo Khulood, ha pubblicato, sul social network dei giovanissimi Snapchat, un video in cui passeggia in minigonna vicino il forte di Ushayqir. Conseguenze del gesto? Delirio puro. Molti utenti, infatti, hanno chiesto il suo arresto per aver violato il rigido codice di abbigliamento del loro paese saudita, un codice che prevede che le donne indossino abiti lunghi fino ai piedi, i cosiddetti “abaya”, oltre che il velo se sono di religione musulmana. A noi occidentali tutto questo sembra davvero strano, forse folle, ma non è intelligente dare giudizi simili. Quella parte del mondo esiste ed interagisce sempre di più con noi, non ogni volta in modo pacifico. Per il nostro bene e per la sicurezza internazionale, a livello più generico, ha invece senso che voi vi formiate per comprendere la cultura medio orientale apparentemente così lontana per spiegarla alla nostra popolazione e per collaborare con altri specialisti nel mettere in piedi un piano di studi sulla sicurezza e la difesa dell’Italia che, per essere davvero efficace, deve connettersi col loro reale modus operandi. Se avete capito questo passaggio e vi interessa avere una visuale ampia di quali prospettive di studio sul terrorismo ci siano in tal senso presso questo Ateneo, ecco una dettagliata guida che vi darà tantissime informazioni a riguardo e, soprattutto, che vi metterà in condizione poi di approfondire ancora e sempre meglio quello che vi preme sapere per il vostro futuro (e forse anche per quello della Nazione). Pronti? Fate un buon viaggio con questa lettura.

Può bastare un video, il video della modella musulmana in minigonna che passeggia in luoghi deserti, per scatenare l’Inferno. Non da noi ma nella parte del mondo saudita che ha regole rigide e precise e, soprattutto, a tratti inconciliabili con la nostra idea di libertà di espressione. La ragazza rischia la morte, come la rischia anche il cameraman che ha girato quello che per alcuni di loro è uno “scempio”.

Le regole del codice di comportamento, d’altronde, vietano tutto questo. Non solo. Le donne saudite non possono guidare e devono avere il consenso di un tutore di sesso maschile (che sia il padre, il fratello o un altro parente) per sposarsi, ottenere il passaporto, viaggiare all’estero e spesso anche solo per lavorare o studiare, anche se non è espressamente previsto per legge.

I divieti per una donna musulmana non finiscono qua. In Arabia Saudita, infatti, c’è bisogno del tutore anche per affittare una casa, per sottoporsi ad un intervento in ospedale e per intraprendere una causa legale. Infine, e questo è il passaggio peggiore di tutti, se un tutore (che non a caso è definito anche “guardiano”) abusa di una donna o ne limita la sua libertà, è praticamente impossibile fare ricorso alla giustizia.

E’ chiaro che infilare la testa nella sabbia come fossimo struzzi, di fronte a questi fatti, non cambierà le cose e anzi ci renderà sempre più oscura una parte del mondo con cui invece è arrivato il momento di fare i conti. Bisogna iniziare a caStudi sulla sicurezza in Italiapire e la comprensione passa dalla formazione. In tal senso Unicusano ne dà molta con corsi di specializzazione post laurea in grado di illustrarvi molti passaggi importanti da conoscere.

Prima di entrare nel vivo di questa offerta didattica che potrebbe cambiare per sempre il vostro futuro lavorativo (e quindi anche di vita), però, lasciateci ricordare che una guida come questa è importante ma non totalmente esauriente. Molto altro c’è da sapere su questi master e molti altri master stanno nascendo proprio ora mentre state leggendo queste righe. Prendete altre preziose informazioni in rete ma anche leggendo con costanza gli articoli che pubblichiamo nel blog accademico della città dell’Aquila. Potrete anche porci domande dirette attraverso un form informativo che abbatte per sempre certi muri comunicativi tra università e studenti.

Come capire la cultura del Medio Oriente

Se volete scoprire come capire la cultura del Medio Oriente, non c’è dubbio che il master “Master I livello in Analista del Medio Oriente: politica, economia, sicurezza” sia quello giusto per voi. Si tratta di un iter didattico in grado di farvi entrare in questo universo portati per mano da professionisti del settore.

Questo corso di specializzazione sulla comprensione della cultura medio orientale è rivolto a tutta una serie di categorie tra cui potrebbe esserci la vostra. Si tratta di appartenenti alle Forze dell’Ordine e alle Forze Armate, funzionari Pubblici oltre che ricercatori e studiosi di politica internazionale, interna e di sicurezza in Medio Oriente. Non solo. Possono ambire a questo percorso anche addetti all’esportazione e internazionalizzazione ed analisti di mercato o di rischio ma anche giornalisti, aspiranti alle professioni inerenti e neolaureati in materie giuridiche, politologiche e umanistiche.

I numeri per diventare esperti di Medio Oriente sono molto interessanti ed aiutano a farvi formare un’idea di quello che potreste avere. 60 crediti formativi universitari complessivi su cui metterete le mani dopo aver seguito con successo tutte le 1500 ore complessive di lezioni avendo compreso a pieno tutte le 11 materie che formano lo scheletro del tutto.

L’approccio allo studio della cultura musulmana vi farà spaziare dall’analisi delle Monarchie del Golfo alla situazione della Turchia passando per il quadro nordafricano e la crisi libica fino alle istituzioni e alle ideologie politiche nel mondo islamico.

Il master in Sicurezza del Mondo Contemporaneo

Se avete la voglia di diventare protagonisti e non solo spettatori della difesa del vostro paese e, più in generale, del mondo occidentale, potreste anche valutare il master di primo livello in “Criminologia e sicurezza nel mondo contemporaneo“. Una risposta concreta (e tutta basata sulla cultura) al generale allarme sociale di questi anni che, dal 2001 ad oggi, ha sempre più preso piede. Tra i primi fatti delle Torre Gemelle e i successivi passarono due anni. Ora gli attentati avvengono quotidianamente. Bisogna arginare e voi potreste essere l’argine.

I moduli per studiare la gestione della sicurezza mondiale sono tanti, diciannove, e la ragione è che si tratta di una materia complessa ed in continua evoluzione. La multidisciplinarità è d’uopo perché, in situazioni di forti crisi, dovete assolutamente essere delle isole indipendenti in grado di agire con tutto il know-how necessario.

Una strada, questa, che potrebbe essere la vostra strada. Per ora dovete capire se avete voglia di fare l’investimento a livello personale sui libri e a livello economico con un costo del master su materie di criminologia che è pari a 1100 euro. Non solo è un prezzo concorrenziale ma dovete anche considerare che lo potrete dividere in due rate pagabili a distanza di trenta giorni l’una dall’altra.

Vi segnaliamo che sono previsti degli sconti per diventare esperti di sicurezza nel mondo contemporaneo per categorie come avvocati iscritti all’Ordine, funzionari Pubblici, psicologi iscritti all’albo, appartenenti alle Forze dell’Ordine e, ovviamente, tutti i laureati Unicusano.

Come diventare esperto di Antiterrorismo Internazionale

E così il video della modella musulmana in minigonna potrebbe farvi scoprire come diventare esperto di Antiterrorismo Internazionale. Tra i vari modi anche iscrivendovi al “Master I livello in Antiterrorismo Internazionale“. Una strada da percorrere rigorosamente a laurea conseguita e rigorosamente motivati ad agire in un contesto fortemente critico.

Chi può studiare materie legate al controllo del terrorismo? Più o meno gli stessi soggetti che possono specializzarsi nella comprensione del Medio Oriente e nulla vi vieta, tra l’altro, di ambire ad avere le competenze di entrambi i corsi per presentarvi su questo precipuo settore del mercato del lavoro davvero dotati di un know-how unico.

Quanto costa lavorare come esperti di Antiterrorismo Internazionale? Sicuramente molta fatica sui libri di testo e nelle 1500 ore complessive di lezioni ma anche, stando sul “vil denaro”, vi costerà 1100 euro pagabili in due rate di pari importo che potrete tirar fuori distanziate da trenta giorni.

Se c’erano sconti per studiare la sicurezza del mondo contemporaneo, esiste, per le stesse identiche categorie, una quota di iscrizione ridotta per formarsi nel settore della lotta al terrorismo. Si tratta di 800 euro.

Vi consigliamo, per capire meglio questa opportunità di formazione, di andarvi a vedere tutti e 13 i moduli di cui sono composte le materie dell’Antiterrorismo Internazionale secondo il nostro Ateneo. Sarà come vedere lo scheletro della creatura dentro la quale potreste vivere per un po’ di tempo.

Studiare la Geopolitica della Sicurezza

Col “Master di II livello in Geopolitica della Sicurezza“, invece, potrete studiare lo stesso tema ma con un approccio accademico meno generalizzato e più legato ad una materia precisa che ha già una sua storia ed una sua dignità.

I numeri per avere la preparazione da esperto di Geopolitica della Sicurezza sono gli stessi degli altri master nostri e quindi 1500 euro di lezioni e 60 crediti formativi universitari da prendere ad esame superato.

Questo corso, però, è un po’ più dettagliato e, infatti, il prezzo della formazione post laurea su materie geopolitiche è più alto. Dovrete spendere 1900 euro, sempre erogabili in due rate, ma, in linea col resto dell’offerta generale su questa macro area di formazione, sono previsti sconti fino a 1500 euro per le categorie che abbiamo ripetutamente citato in questa guida.

Ora che, grazie allo spunto di attualità del video della modella musulmana in minigonna, avete capito che potreste studiare per formarvi circa la sicurezza italiana ed internazionale, seguite la dritta che vi abbiamo dato in apertura e quindi informatevi ancora. La rete ed i nostri canali social sono pieni di cose da sapere.

Per completezza di informazione, considerato che ne abbiamo diffusamente parlato nel corso di questo articolo, ecco le immagini della ragazza:

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali