informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Bonifica ambientale: che cos’è e in che cosa consiste

Commenti disabilitati su Bonifica ambientale: che cos’è e in che cosa consiste Studiare a L'Aquila

Bonifica ambientale? Che cosa significa? Nell’accezione comune del termine significa “svolgere un’attività che determina il risanamento di zone contaminate da elementi nocivi che potrebbero essere i tetti coperti di amianto, rifiuti, oppure il risanamento di terreni paludosi”.

La verità è che il tema è molto più ampio di questo. “Bonifica ambientale” vuol dire esattamente “bonificare l’ambiente”, cioè togliere la parte nociva, pulire, portare allo stato puro. Ecco che in questo caso l’espressione, con l’aggiunta di un aggettivo come ad esempio “elettronico”, assume un più profondo significato. Nell’era attuale, dove tutto ruota intorno all’elettronica, se parliamo di operazioni di bonifiche ambientali sappiamo esattamente cosa vogliamo significare.

Vogliamo essere certi che il nostro ambiente lavorativo sia incontaminato da apparati pericolosi quali le microspie, vogliamo che i nostri PC e i nostri smartphone siano privi di software spia. Un settore affascinante dove potresti ambire di lavorare anche tu. Vediamo di spiegartene di più e di indicarti i giusti percorsi formativi per arrivare al risultato. Buona lettura.

Bonifica ambientale? Un tema caldo del futuro prossimo e del presente imminente è la protezione dei nostri dati personali, dei nostri progetti e del nostro know how aziendale. Con la tecnologia elettronica, l’azienda riesce a collegarsi con i collaboratori, con i clienti e i propri partner in modo veloce ed efficiente da qualsiasi dispositivo, in qualsiasi momento e da ogni luogo.

Il rovescio della medaglia è che, se non si presta attenzione, si può finire nel mirino dei cyber criminali che attaccano con dei “malwares” tutti i dispositivi mobili come gli smartphone e i tablet che usano il sistema operativo Android.

La caratteristica dei malwares è che sono predisposti ad infettare gli smartphones che a loro volta infettano una rete aziendale innalzando paurosamente il fattore rischio. Svolgendo periodicamente delle operazioni di bonifiche ambientali tutto questo diventa più improbabile perché si diminuiscono i “buchi” nelle protezioni. 

Non è un caso che nella predisposizione dei budget nuovi ci sia una buona fetta ormai destinata alla sicurezza e a chi la possa garantire con preparazione, dedizione e, soprattutto, con costanza di vigilanza. Gli hacker, che poi sono i nostri pirati informatici, attaccano a tutte le ore del giorno e della notte e da qualsiasi paese.

Abbiamo detto che il significato di bonifica ambientale sia poliedrico ed, infatti, oltre alla questione cyber ce n’è una più squisitamente ambientale. Vediamola meglio.

Bonifica dei siti contaminati

Innanzitutto è serio darti la definizione di sito contaminato che include “tutte quelle aree nelle quali, in seguito ad attività umane pregresse o in corso, è stata accertata un’alterazione delle caratteristiche qualitative delle matrici ambientali suolo, sottosuolo e acque sotterranee tale da rappresentare un rischio per la salute umana”.

Poi va vista la legislazione nazionale in materia di bonifica dei siti contaminati. E’ stata introdotta con il D.M. 471/99 e poi è stata modificata dal D.Lgs. 152/06 e ss.mm.ii. “Norme in materia ambientale” che, alla Parte Quarta, Titolo V “Bonifica di siti contaminati”.

Disciplina gli interventi di bonifica e ripristino ambientale dei siti contaminati e “definisce le procedure, i criteri e le modalità per lo svolgimento delle operazioni necessarie per l’eliminazione delle sorgenti dell’inquinamento e comunque per la riduzione delle concentrazioni di sostanze inquinanti, in armonia con i principi e le norme comunitari, con particolare riferimento al principio chi inquina paga”.

Il soggetto istituzionale con cui avere a che fare in caso di bonifiche dei siti è l’ISPRA, in quanto organo di supporto tecnico al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM), che ha tra le sue attività istituzionali il compito di redigere e aggiornare, anche in collaborazione con altri enti e istituti coinvolti, le linee guida per le attività di caratterizzazione e bonifica dei siti contaminati.

Matrice di Screening

Si tratta dello strumento di supporto alle decisioni nella selezione delle tecnologie di bonifica.
Attenzione, però. La matrice non è da intendersi come un cerchio chiuso. Si tratta di una tecnologia costantemente soggetta a revisione e pensata come continuo aggiornamento di rilevamento dati.
Come funziona la matrice di screening? Prende in considerazione 25 tecnologie in situ ed ex situ per la bonifica del suolo e 16 tecnologie in situ ed ex situ per la bonifica delle acque sotterranee. Le variabili utilizzate includono tempi, necessità di monitoraggi a lungo termine, limiti ed applicabilità e, ove disponibili, casi studio.

Bonifica del terreno agricolo

Se questa seconda accezione di bonifica ambientale fa più al caso tuo, allora devi studiare per diventare uno specialista del caso. Potrai salvare vite presenti e future e lasciare un segno indelebile nella salute del tuo paese. Come? Cogliendo al volo l’occasione di formazione post laurea dell’università Niccolò Cusano che eroga un master di secondo livello in “Diritto ambientale e tutela del territorio“.

Che cosa si studia per diventare esperti di diritto ambientale e tutela del territorio? Un agglomerato di materie specialistiche divise in ben 7 moduli da cui estrapoliamo in modo integro la lista delle materie per darti una fotografia realistica del corpus didattico. Eccola:

  • La nozione di ambiente nel diritto comunitario, internazionale e costituzionale;
  • Il codice dell’ambiente;
  • Il danno ambientale;
  • L’informazione e il diritto di accesso in materia ambientale;
  • La valutazione di impatto ambientale;
  • La valutazione ambientale strategica;
  • L’autorizzazione integrata ambientale;
  • Gli strumenti di pianificazione ambientale;
  • La disciplina dei rifiuti: dalle origini al Codice dell’ambiente;
  • Le mobili frontiere della definizione di rifiuto;
  • I modelli organizzativi del ciclo integrato dei rifiuti;
  • La bonifica dei siti contaminati;
  • La responsabilità per abbandono di rifiuti9
  • Le fonti di produzione energetica;
  • Le energie rinnovabili;
  • L’efficienza energetica e ambientale e gli strumenti premiali: certificati verdi e certificati bianchi;
  • L’acqua come oggetto di tutela nazionale e sovranazionale;
  • Il mutamento di prospettiva nella tutela delle acque: dalla visione concessoria all’esigenza di tutela ambientale;
  • Acque superficiali e acque sotterranee;
  • Gli strumenti di tutela delle acque: attività tecnica ed attività giuridico-amministrativa;
  • La tutela del suolo;
  • La lotta all’inquinamento atmosferico ed ai cambiamenti climatici;
  • Tutela dell’aria e sviluppo economico: un difficile connubio;
  • Struttura dei procedimenti in materia di tutela dell’aria;
  • La ricognizione sul dato normativo e i passaggi più significativi della sua evoluzione;
  • Il risarcimento tra prevenzione, precauzione e ripristino. Il principio “chi inquina paga”: il sottile confine tra colpa e responsabilità oggettiva;
  • La determinazione del danno all’ambiente risarcibile e la sua liquidazione;
  • Il Diritto Internazionale come pilastro della tutela del mare;
  • L’Europa come baluardo a salvaguardia delle biodiversità;
  • Tutela delle biodiversità ed aree naturali protette;
  • Il difficile equilibrio tra attività produttive e salvaguardia dell’ambiente marino.

I numeri del master in tutela del territorio, poi, aiutano a capire definitivamente se è l’esperienza che fa per te:

  • 1500 sono le ore complessive delle lezioni che dovrai seguire;
  • 60 sono i crediti formativi universitari – CFU che otterrai a fine ciclo;
  • 24 su 24 sono le ore in cui potrai studiare grazie alla piattaforma di eLearning che è sempre attiva.

E quanto costa studiare da esperto di bonifica ambientale? Cista 1500 euro (pagabili in due rate) con la previsione di uno sconto. Quale? Potranno pagare solo 1300 euro (sempre erogabili in 2 rate) chi è:

  1. dipendente della Pubblica Amministrazione;
  2. Avvocato iscritti all’Ordine;
  3. Laureato Unicusano.

*** Forse ti interessa anche questo articolo sull’efficienza energetica ***


Ora sei un quasi esperto di bonifica ambientale, elettronica e tradizionale.

Non mollare la presa, è molto importante tenere le fila del vostro futuro perché le cose da sapere sono ancora tante per cui ti invitiamo a leggere con costanza e con solerzia tutti gli articoli del nostro blog accademico della città dell’Aquila ma anche a scriverci per ogni dubbio tu abbia usando il nostro form informativo.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali