informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare giudice per le indagini preliminari?

Commenti disabilitati su Come diventare giudice per le indagini preliminari? Studiare a L'Aquila

Studi giurisprudenza e vuoi capire come diventare giudice per le indagini preliminari? Questa figura è conosciuta soprattutto con la denominazione di G.I.P. e si occupa del controllo delle attività del P.M. Cosa significa? Il G.I.P. è previsto in una serie di situazioni specifiche regolamentate dalla legge.

Se vuoi saperne di più, leggi la nostra guida qui di seguito. Per capire quale professione intraprendere dopo il conseguimento della laurea in legge è bene approfondire le varie opzioni disponibili, dall’avvocato al magistrato, dal giudice tributario al notaio e così via. 

GIP chi è?

Prima di capire come diventare giudice per le indagini preliminari, devi fare chiarezza su ruolo e mansioni di questa figura. Il G.I.P. si occupa di procedimenti penali ed è una figura relativamente recente nell’ordinamento giuridico italiano. È stato introdotto, infatti, dal Codice Vassalli, l’attuale codice di procedura penale, per sostituire la precedente figura del giudice istruttore.

Il giudice per le indagini preliminari ha fatto dunque la sua comparsa nel 1989. Qual è il suo compito? Il G.I.P. esercita le sue funzioni durante la fase investigativa come garante per gli indagati e come controllore della correttezza dell’attività del pubblico ministero (P.M.).

Come avrai intuito da questa definizione, G.I.P. e G.U.P. non sono la stessa cosa. Il G.U.P., infatti, non interviene durante le indagini ma solo in sede di udienza preliminare. L’acronimo GUP, infatti, sta per giudice dell’udienza preliminare.

Di cosa si occupa il giudice per le indagini preliminari

Le indagini preliminari rappresentano la prima fase di un procedimento penale e sono costituite dalla raccolta delle prove da parte del pubblico ministero e della polizia giudiziaria. Durante il lavoro investigativo si instaura un dialogo con il G.I.P. affinché tutto proceda secondo la normativa.

Se alla fine delle indagini il P.M. giunge alla conclusione di non avere abbastanza elementi per sostenere l’accusa in giudizio, propone l’archiviazione della notizia di reato al G.I.P. Qualora il giudice per le indagini preliminari dovesse accogliere l’istanza del pubblico ministero, emette il decreto di archiviazione e restituisce il fascicolo alla procura per la sua conservazione.

Quando il G.I.P. non concorda, invece, può richiedere la prosecuzione delle indagini oppure la formulazione dell’imputazione con successiva indicazione di una data per l’udienza preliminare. Non solo, la vittima di reato può rivolgersi al G.I.P. in caso di archiviazione ritenuta ingiusta. Sarà poi il giudice per le indagini preliminari ad accogliere o a rigettare la richiesta di opposizione all’archiviazione.

Nel caso in cui le indagini preliminari abbiano consentito la raccolta di prove sufficienti, invece, il P.M. formula l’imputazione di reato e l’indagato acquisisce lo status di imputato.

In sintesi, il G.I.P. svolge le seguenti mansioni:

  • controllo dello svolgimento delle indagini quando il P.M. chiede la proroga del termine
  • controllo dell’esercizio dell’azione penale del P.M. Questa funzione viene svolta nel momento in cui il P.M. chiede l’archiviazione di un procedimento oppure emette un decreto di giudizio immediato
  • esercizio di una funzione di garante dei diritti dell’indagato quando il P.M. chiede l’applicazione delle misure cautelari, l’esecuzione di sequestri o l’avvio delle intercettazioni telefoniche
  • esercizio di una funzione di giudizio in caso di riti speciali di patteggiamento o di riti abbreviati

Come diventare giudice per le indagini preliminare: tutti i passi

Per esercitare la funzione di G.I.P. devi prima diventare magistrato. Non solo, devi anche aver ricoperto il ruolo di giudice di dibattimento per almeno due anni.

Ma andiamo per gradi. Qui di seguito, trovi l’elenco di tutti i requisiti necessari per accedere al concorso in magistratura:

  • laurea in giurisprudenza + tirocinio presso uffici giudiziari oppure presso l’Avvocatura dello Stato per un periodo pari a 18 mesi
  • laurea in giurisprudenza +diploma presso una scuola di specializzazione per le professioni legali
  • laurea in giurisprudenza +dottorato in materie giuridiche
  • laurea in giurisprudenza +docenza universitaria in materie giuridiche
  • laurea in giurisprudenza +abilitazione all’avvocatura

Oltre ai requisiti elencati, l’ammissione al concorso prevede il possesso della cittadinanza italiana, del pieno godimento dei diritti civili e dello status di incensurato. Non bisogna neppure aver già sostenuto il concorso per tre volte. Cosa significa? Se hai tentato il concorso già tre volte e non sei mai riuscito a superarlo, non puoi tentare per una quarta volta.

Il concorso per entrare in magistratura

Il concorso prevede una prova scritta e una prova orale. Lo scritto, per esempio, consiste nello svolgimento di tre temi che vertono su argomenti di diritto civile, diritto penale e diritto amministrativo.

La prova orale, invece, si basa sugli argomenti qui sotto:

  • diritto civile ed elementi fondamentali di diritto romano
  • procedura civile
  • diritto penale e procedura penale
  • diritto amministrativo, costituzionale e tributario
  • diritto commerciale e fallimentare
  • diritto del lavoro e della previdenza sociale
  • diritto comunitario
  • diritto internazionale pubblico e privato
  • elementi di informatica giuridica e di ordinamento giudiziario

È previsto anche un colloquio su una lingua straniera. Potrai scegliere tra inglese, spagnolo, francese e tedesco. Se riesci a superare il concorso, ottieni la nomina a magistrato ordinario e svolgi un tirocinio di 18 mesi. Durante il periodo di tirocinio dovrai frequentare dei corsi di approfondimento teorico-pratici, che si svolgono presso la Scuola superiore della magistratura (SMM) di Roma. Oltre ai corsi, sarai impegnato anche in sessioni di pratica presso gli uffici giudiziari.

Nomina a G.I.P.

Dopo aver svolto il tirocinio di 18 mesi come magistrato ordinario, i vincitori del concorso ricevono l’assegnazione della sede di lavoro. Il novello magistrato, però, non svolge le sue mansioni da solo. Nel corso del primo anno di esercizio in un tribunale ordinario può contare sul costante affiancamento di un magistrato collaboratore.

Un magistrato di prima nomina, dunque, non può svolgere la funzione di G.I.P. per i primi quattro anni di attività. Dopodiché, ha la possibilità di assumere il ruolo di giudice per le indagini preliminari. Questo significa che entra a far parte della sezione G.I.P e G.U.P. Si tratta di una sezione autonoma istituita all’interno di tutti i tribunali. Soltanto nei tribunali di piccole dimensioni viene meno l’obbligatorietà di un ufficio a sé stante per queste particolari figure. Per legge, inoltre, le sezioni G.I.P e G.U.P. non possono essere costituite da un numero di giudici inferiore a cinque.

Come prepararsi per il concorso in magistratura

Ormai avrai capito che lo step fondamentale per intraprendere la carriera di G.I.P. è superare il concorso in magistratura. La nostra guida “come diventare giudice per le indagini preliminari” non poteva concludersi senza qualche consiglio per la preparazione al concorso.

Non puoi pensare di studiare in poco tempo. Questo concorso è complesso e prevede almeno un paio di anni di studio. Se hai la possibilità di frequentare una scuola preparatoria, avrai sicuramente maggiori chance di superare scritto e orale. In caso contrario cerca di suddividere bene il tempo a disposizione e di procedere per gradi:

  • studia una materia per volta utilizzando i tuoi manuali universitari o dei manuali specifici
  • dedica il 50% del tuo tempo al diritto civile e suddividi il restante 50% tra diritto penale e diritto amministrativo
  • esercitati a scrivere temi in modo da migliorare la tua capacità espositiva. Lo scritto, infatti, dovrebbe essere redatto con uno stile chiaro e scorrevole, evitando frasi involute e di difficile comprensione

Per quanto riguarda l’ultimo consiglio puoi usare le tracce dei concorsi precedenti. Nel sito del Ministero della Giustizia trovi i temi somministrati ai candidati negli ultimi 40 anni. Scrivere su tematiche già proposte nei concorsi passati è senza dubbio un ottimo esercizio. 

Credits immagine: DepositPhoto.com/AllaSerebrina

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali