informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come essere un buon conversatore: tecniche e strumenti da provare

Commenti disabilitati su Come essere un buon conversatore: tecniche e strumenti da provare Studiare a L'Aquila

Come essere un buon conversatore? Tra le competenze delle professioni del nuovo millennio questa, forse, è considerata meno del valore che realmente ha. Viviamo in un’epoca, infatti, in cui la comunicazione è il fulcro della società moderna intorno a cui ruota la politica ed anche il business delle aziende. Tra social media, social network e Marketing Inbound, non ci dobbiamo dimenticare che “la parola” è il fuoco che arde sempre sotto al carbone.

Un esempio? Cresce sempre di più l’importanza dei video sui social network ma pochi considerano che, per realizzare questi video nel modo corretto, è bene anche avere risorse umane in grado di starci davanti ad un obiettivo. Gente che sostenga fluidamente un dialogo e che sappia spiegare in modo chiaro i concetti che è necessario transitare attraverso questo canale.

Non ci sono dubbi che si tratti di doti innate in molti casi ma anche che è molto importante trasformare un diamante grezzo in qualcosa di più. Acquisire know-how sullo speech significa scoprire quali tecniche ci vogliono per parlare in pubblico correttamente e come ci si debba comportare nello sviluppo di un messaggio, dalla sua creazione al tentativo di farlo arrivare a destinazione.

Ecco una guida che, in tal senso, ti sarà davvero utile.

Come essere un buon conversatore? Ci sono trucchi e tecniche per diventarlo e l’importanza di avere questa competenza oratoria è tutta racchiusa nel film premiato con l’Oscar “Il discorso del re“, in cui il monarca dell’Inghilterra si trova a corto su questo strumento importante per interagire con la nazione intera.

Arte oratoria

L’importanza dell’arte oratoria risale alla civiltà greca dove i principali precettori insegnavano ai figli delle famiglie aristocratiche a tenere discorsi in pubblico in un contesto complesso come l’Agorà, che era la piazza al cui interno avvenivano i principali fatti della polis (la città).

Consigli pratici

Forse non sarai mai un neo Socrate ma che tu faccia l’avvocato o l’esperto di Marketing, sarà molto importante saper esporre un progetto aziendale con una presentazione. Ecco qualche dritta che ti metterà subito “in carreggiata” verso il raggiungimento di questo scopo.

Usare il linguaggio del corpo

Non si può non dare supporto alle parole, perché il pubblico è mediamente disattento. Uno dei modi più comuni è usare il corpo e cioè sottolineare i passaggi chiave di un discorso con un’attenta e studiata gesticolazione. Esempio fulgido fu l’allora Presidente degli Stati Uniti Bill Clinton che, durante la difesa nel caso Monica Lewinsky, utilizzò una fisicità possente in aiuto al suo discorso.

Usare slogan

Nell’ottica di superare le difese cognitive dell’ascoltatore è importante essere semplici e facili da ricordare. Cosa c’è di più facile da ricordare di uno slogan ben ideato? Usali come fece decenni fa Lyndon Johnson in favore dei pieni diritti degli afro-americani quando disse in televisione “We shall overcome” con la chiosa “La loro causa deve essere anche la nostra causa”.

Usare il pathos

Magari non sarà il massimo del gusto ma usare frasi emotivamente coinvolgenti ha grande impatto sulla massa. La gente ama essere presa “per il cuore”. Lo dimostra la storia di Papa Giovanni XXIII che disse pubblicamente ai fedeli “Tornando a casa, troverete i bambini. Date una carezza ai vostri bambini e dite: ‘Questa è la carezza del Papa'”. Si tratta di una sequenza di parole che “si vede” e “si sente”.

Iniziare col botto

Se tutti vanno di fretta, è alto il rischio di perdere facilmente l’attenzione dell’utente. Ecco perché è importante curare bene l’incipit di un discorso. Un po’ come nel mondo dello spettacolo, i primi minuti di un evento (anche “oratorio”) sono essenziali per il proseguo. Se funzionano, il resta scorrerà liscio come fosse una bici in discesa.

Metterci del proprio

Accorciare la distanza tra oratore ed ascoltatore è essenziale per ottenere una conversazione di successo. Come riuscirci? Mettendoci dentro fatti personali che ti umanizzino e che abbattano l’invisibile muro tra le parti che si crea naturalmente in un dialogo. Un esempio? Il re di Norvegia Harald V ha raccontato di essere lui stesso discendente di immigrati: “I norvegesi vengono dal nord della Norvegia, dalla Norvegia centrale, dal sud della Norvegia e da tutte le altri parti della Norvegia. I norvegesi sono immigrati da Afghanistan, Pakistan e Polonia, da Svezia, Somalia e Siria. Anche i miei nonni, centodieci anni fa, vennero qui emigrando dalla Danimarca e dall’Inghilterra”.

Tempi del dialogo

Oltre a sapere cosa fare durante un discorso è importante sapere quando farlo. Come sa bene chiunque faccia radio professionalmente, non ci si deve mai parlare sopra. Sembra una regola semplice ma è davvero poco seguita. E invece nel silenzio scoprirai che sei costretto ad ascoltare e, di conseguenza, ad assimilare concetti importanti che altrimenti avresti perso.

Scelta degli argomenti

Tentare di non essere noiosi dovrebbe essere il tuo scopo principale. Ecco perché devi attentamente soppesare gli item trattati. Non importa se è importante per te ma se ci sono benefici per l’ascoltatore. Trasforma tutto secondo questa logica e il più sarà fatto.

Consigli per essere un bravo oratore

Per avere un quadro completo su come essere un buon conversatore, è bene mettere dentro anche una breve check-list di passaggio da seguire per acquisire questo preciso know-how.

Concentrazione

Non fare cose diversi contemporaneamente perché di certo non metti l’attenzione dovuta al dialogo e l’ascoltatore potrebbe notarlo e spazientirsi andando altrove o non prestandoti attenzione.

Distanza equa

I “primi della classe” non piacciono a nessuno. Non sparare sentenze o giudizi: a volte, affinché si abbia una conversazione proficua, è necessario tapparsi la bocca.

Le giuste domande

Tra le cose da sapere su come essere un buon conversatore c’è la composizione dei quesiti. Non fare domande che richiedano un semplice sì/no ma cerca di far parlare l’altro rivolgendogli domande aperte.

Il flow

Se durante una conversazione e/o intervista ti vengono in mente altre cose da chiedere, fallo. Segui il flusso della comunicazione e dai seguito ai tuoi pensieri perché ne uscirà di certo qualcosa di buono.

Onestà

Se non sai una cosa, dillo. L’ascoltatore apprezzerà mentre sarà molto deluso da un eventuale bugia smascherata e perderai la sua stima e, di conseguenza, la sua attenzione.

Rispetto dell’interlocutore

Il tuo sapere è uguale a quello di chi ascolta per cui, se nella conversazione ti racconta fatti personali, ascoltali o, almeno, dai la sensazione di ascoltarli.

Sintesi

Come essere un buon conversatore senza considerare che abbiamo poco tempo ed odiamo tutti perderlo? Evita di dare spazio a dettagli non richiesti, noiosi e che all’interlocutore non interessano assolutamente.

*** Oltre al capire come essere un buon conversatore, potresti completare il tuo know-how in merito leggendo anche questo articolo sulle migliori app per fare video in modo tale che tu sappia “coprire” anche l’aspetto visual ***

Ora ti è più chiaro come essere un buon conversatore e la differenza la farà solo la pratica che ci metterai. Anche, in realtà, la quantità di informazioni che riuscirai a raccogliere nel corso dei tuoi studi.

Che si tratti di precisi esami di laurea, di date di appelli, di novità sui master o anche di considerazioni più generali sull’andamento dell’attuale mercato del lavoro, ti basterà leggere con costanza gli articoli del nostro blog accademico della città dell’Aquila. Se poi ci sono quesiti diretti che ti preme porre, potrai farlo in un solo click attraverso il nostro form informativo.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali