informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cosa visitare in Abruzzo: tra città e natura

Commenti disabilitati su Cosa visitare in Abruzzo: tra città e natura Studiare a L'Aquila

Sei alla ricerca di consigli su cosa visitare in Abruzzo?

In questa guida ti illustreremo i migliori itinerari turistici in Abruzzo da condividere con i tuoi compagni di studio o con la tua famiglia.

L’Abruzzo è una terra molto variegata: dalle zone montane a quelle costiere, potrai trovare aree naturalistiche, sentieri incontaminati e spiagge da sogno.

Se non sai cosa fare in Abruzzo e sei alla ricerca di qualche spunto, non ti resta che preparare carta e penna e prendere appunti per costruire il tuo itinerario.

Iniziamo ora il nostro viaggio alla scoperta delle mete in Abruzzo da visitare assolutamente.

Idee e consigli sulle cose da vedere in Abruzzo

Dalla gastronomia alle bellezze architettoniche, dalle città alle aree naturali, ecco le migliori destinazioni in Abruzzo da inserire nel tuo itinerario.

Città dell’Abruzzo da visitare

Se la tua domanda è “cosa visitare in Abruzzo”, iniziamo subito con le città da includere nel tuo itinerario di viaggio.

Ciascuna di queste città è ricca di opere architettoniche di grande pregio, musei tematici, scorci mozzafiato e tradizioni folkloristiche uniche.

Iniziamo con L’Aquila, una delle principali città abruzzesi. Fondata intorno al 1254, la città è divisa, oggi come allora, in quattro Rioni: San Giorgio, Santa Maria, San Pietro e San Giovanni d’Amiterno. Tra le attrazioni da non perdere a L’Aquila, menzioniamo:

  • Fontana delle 99 cannelle: monumento storico di L’Aquila e simbolo della città, si compone di 93 mascheroni in pietra e sei cannelle singole, dalle quali sgorga l’acqua. Secondo la tradizione, le 99 cannelle simboleggiano i 99 castelli che, nel XIII secolo, hanno contribuito alla fondazione della città;
  • Museo Nazionale d’Abruzzo: per gli amanti della cultura, il Museo è una tappa davvero da non perdere. Nell’edificio sono conservati reperti archeologici, sculture e opere pittoriche e tessuti, tra cui uno dei più grandi gonfaloni del mondo, realizzato nel 1586 per la Basilica di San Bernardino;
  • Basilica di San Bernardino: menzionata poc’anzi, la Basilica è il centro cattolico più importante della città. Al suo interno, oltre ad un grande organo e a preziosi affreschi, sono custodite le spoglie del Santo.

Leggi anche: Cosa fare la sera a L’Aquila

Facciamo ora un salto a Pescara, città più popolosa dell’Abruzzo e importante centro culturale della Regione. Ti basti pensare che la città ha dato i natali a Gabriele D’Annunzio ed Ennio Flaiano ed è sede anche di grandi manifestazioni artistiche come il Pescara Jazz.

Se vuoi conoscere più da vicino cosa visitare in Abruzzo per vivere appieno le bellezze della regione, non puoi non inserire nel tuo itinerario queste mete pescaresi:

  • Nave di Cascella: monumento più rappresentativo di Pescara, è situato sul Lungomare e rappresenta una barca a remi, che rievoca la tradizione della pesca molto sentita in città;
  • Cattedrale di San Cetteo: importante polo sacro della città, è stata fortemente voluta da Gabriele D’Annunzio, che destinò alla costruzione anche dei fondi;
  • Ponte del Mare: la struttura collega le sponde nord e sud del fiume che attraversa Pescara. Con i suoi 465 metri si è guadagnato il primato di ponte ciclo-pedonale tra i più lunghi d’Europa.

Borghi d’Abruzzo

Se hai ancora dubbi su cosa visitare in Abruzzo, sicuramente devi prendere in considerazione, oltre alle grandi città, anche i borghi più caratteristici.

A causa dei suoi trascorsi bellici, l’Abruzzo è ricco di borghi fortificati e paesi-fortino, che avevano il compito di difendersi da aspre contese territoriali.

Tra i borghi da visitare in Abruzzo:

  • Pettorano sul Gizio: si tratta di uno dei borghi più belli d’Italia, situato a pochi chilometri da Sulmona. A Pettorano sono nascosti tanti piccoli tesori d’architettura, come una fontana monumentale e delle mura di cinta secolari;
  • Scanno: piccolo borgo in provincia di L’Aquila e rinomato per la produzione di tombolo e filigrana. Scanno è ricco di edifici di stampo medievale e i suoi scorci sembrano appartenere ad altri tempi. A proposito di altri tempi, nel mese di agosto a Scanno si rievoca il corteo nuziale antico, durante il quale le donne scannesi indossano il tipico costume di festa;
  • Pacentro: situato nella provincia di L’Aquila, Pacentro è inserito nel circuito dei borghi più belli d’Italia. Immerso nel cuore del Parco Nazionale della Majella, il borgo vanta la presenza di un importante esempio di fortificazione risalente all’XI-XIV secolo, il Castello Caldora;
  • Capestrano: situato ai margini del Parco del Gran Sasso, il borgo è immerso in un quadro naturalistico davvero mozzafiato. Ricco di esempi artistici e monumentali legati al periodo medievale, a Capestrano è possibile coniugare natura e spiritualità;
  • Anversa degli Abruzzi: si tratta di uno dei borghi in povincia di L’Aquila più noti e caratteristici. Qui puoi ammirare tanti piccoli tesori d’arte sacra, come la Chiesa di Santa Maria delle Grazie e la Chiesa di San Marcello.

 

Hai le idee più chiare su cosa visitare in Abruzzo?

Siamo certi che, grazie ai nostri consigli, riuscirai a costruire un itinerario perfetto per scoprire tutte le bellezze di questa regione.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali