informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Inquinamento atmosferico: cos’è e come si combatte

Commenti disabilitati su Inquinamento atmosferico: cos’è e come si combatte Studiare a L'Aquila

Inquinamento atmosferico? Tra i tanti temi ambientalistici di attualità, questo è molto caldo perché ne conosciamo appena una fetta! Oltre a quello legato al traffico della città i sono, infatti, diversi tipi di inquinamento che contribuiscono al riscaldamento globale e conoscerli ed avere il know-how per combatterli è una professione rispettata ed appetita dal mercato del lavoro.

Circa la definizione di inquinamento atmosferico, i giornalisti di National Geographic, in un interessante reportage sul tema, sostengono che si tratti di:

“qualsiasi sostanza che le persone introducono nell’atmosfera e che ha effetti dannosi sugli esseri viventi e sull’ambiente è considerata inquinamento atmosferico”.

Tutto ruota intorno al biossido di carbonio, che è un gas serra e che è il principale inquinante che sta riscaldando la nostra Terra. Anche se gli esseri viventi emettono anidride carbonica quando respirano, non è considerata sostanza inquinante se non quando è associata a automobili, aerei, centrali elettriche e altre attività umane che comportano la combustione di combustibili fossili come la benzina e il gas naturale e, soprattutto, una quantità per minuto impensabile per un essere umano con polmoni nella norma.

Un dato in apertura per capire il senso di questa guida? Negli ultimi 150 anni, tali attività di “trasporto umano” hanno immesso nell’atmosfera abbastanza anidride carbonica da innalzare i suoi livelli più di quanto lo avevano fatto per centinaia di migliaia di anni.

Capiamo meglio la questione e come può entrare nelle valutazioni del vostro futuro professionale. Buona lettura.

Inquinamento atmosferico? E’ qualcosa di serio davanti a cui non si può infilare la testa nella sabbia. Non solo abbiamo l’obbligo morale e civico di esserne tutti informati in modo corretto ma avremmo anche l’obbligo di cercare di porre rimedio compatibilmente col nostro momento di vita.

Se sei su questo blog, presumibilmente, sei uno studente che sta imboccando la strada della formazione o sei un genitore che cerca idee e spunti del genere per i propri figli. In entrambi i casi, ecco cose da sapere sull’argomento e su come esso si intersechi nello studio accademico e post accademico.

I principali inquinanti

Nell’ottica di darti un quadro preciso dell’inquinamento atmosferico, c’è da mettere a fuoco che non solo il biossido di carbonio mette a repentaglio il nostro amato Pianeta Terra. Ecco chi altro sta di diritto nella lista dei “cattivi”.

Metano

E’ incluso in altri gas serra e proviene da posti del mondo come paludi o gas emessi dal bestiame in allevamenti naturali o professionali. Non solo. Il metano arriva anche dai clorofluorocarburi (CFC), che sono stati regolarmente usati nei refrigeranti e nei propellenti aerosol fino alla terribile scoperta del loro effetto deteriorante sullo strato di ozono terrestre e al consequenziale divieto.

Anidride solfosa

Si tratta di un inquinante associato ai cambiamenti climatici ed è un forte componente dello smog. Per spiegarlo con un esempio che tutti possono capire, si tratta della principale causa di piogge acide. Non solo.

Tra i danni degli inquinanti alla Terra c’è anche che riflettono la luce quando vengono rilasciati nell’atmosfera la quale mantiene la luce solare fuori e fa raffreddare il globo. Attenzione, perché le eruzioni vulcaniche possono rilasciare enormi quantità di anidride solforosa nell’atmosfera, a volte ingenerando un raffreddamento che dura anni ed anni.

Soluzioni all’inquinamento atmosferico

Come ridurre l’inquinamento nel mondo? Domanda bella ed alta ma non di facile soluzione. Come accade per tutte le soluzioni complesse, non c’è una via unica ma una strada variegata da percorrere in tutto il suo ginepraio.

Le politiche ambientalistiche dei paesi industrializzati

I più importanti paesi del mondo hanno lavorato per ridurre i livelli di anidride solforosa, smog e fumo al fine di migliorare l’impatto di questi sulla salute delle persone. Risultato? A sorpresa è uscito che i livelli inferiori di anidride solforosa possono effettivamente peggiorare il riscaldamento globale. Un effetto esagerato quando elevati livelli di altri gas serra nell’atmosfera intrappolano il calore aggiuntivo. Al momento si stanno cercando nuove soluzioni concertate.

Il master ambientale di Unicusano

Una soluzione più solipstica al problema è studiare e formarvi per diventare professionisti della difesa dell’ambiente. In questo senso ti consigliamo di scoprire cosa offre il master della Niccolò Cusano di secondo livello in “Diritto ambientale e tutela del territorio“.

Le materie

Per lavorare in difesa del nostro Pianeta, e quindi di tutti, si deve avere un approccio multidisciplinare. Lo dimostra lo scheletro di questo iter post-laurea che si divide nei seguenti 7 moduli:

  1. i principi del diritto ambientale;
  2. i procedimenti amministrativi in materia ambientale;
  3. rifiuti;
  4. energia;
  5. tutela dell’acqua, dell’aria e del suolo;
  6. responsabilità per danno ambientale;
  7. tutela del mare e Aree naturali protette.

I numeri

E cosa comporta studiare da esperto dell’ambiente? Lo raccontano bene questi incontrovertibili dati:

  • 1500 ore complessive di lezioni;
  • 60 CFU – Crediti Formativi Universitari;
  • 1.500 euro (pagabili in 2 rate) che diventano 1.300 (anch’essi suddivisibili in 2 rate) per le seguenti categorie:
    1. dipendenti della Pubblica Amministrazione;
    2. avvocati iscritti all’Ordine;
    3. laureati Unicusano.

Gli sbocchi professionali

A master conseguito, quale sbocco lavorativo nel settore dell’ambiente c’è? La lista è ampia ma, per essere schematici e sintetici come policy della guida impone, ecco una lista chiarificatrice:

  • enti nazionali, internazionali e sovranazionali;
  • Ministero dell’Ambiente;
  • Ministero dei Trasporti;
  • aziende private legate alle azioni ambientali (tipo Green Peace).

Inquinanti aria

Abbiamo già visto diversi agenti nocivi per l’atmosfera ma nell’aria non sono soli. L’evoluzione tecnologica dell’uomo, da applaudire per averci consentito passi da giganti nei confronti di tutti gli altri animali, però ha messo in circolo i seguenti inquinanti:

  • particelle totali sospese;
  • metalli;
  • idrocarburi;
  • benzene.

Inquinamento dell’aria: prospettive future

Quale sarà il futuro della tutela dell’ambiente? Molto ruota intorno al cosiddetto “Codice Ambientale”, ovverosia il D.lgs. 152/2006 che, al suo interno, prevede:

“la elencazione di precise responsabilità consequenziali ai danni arrecati all’ambiente, nonché, per quanto attiene ai profili di prevenzione, ripristino ambientale ed azioni volte al risarcimento, una chiara e dettagliata ripartizione di competenze, suddivise tra i principali attori istituzionali: Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, enti locali, persone fisiche e giuridiche”.

Da qui si evince un nuovo diritto che nasce in chiaroscuro da un nuovo danno… il danno ambientale, con cui all’art. 300 del citato D.lgs. viene ricompreso qualsiasi deterioramento significativo e misurabile, diretto ed indiretto, di una risorsa naturale o dell’utilità da essa assicurata. Avendo qualcosa di evidente da tutelare avremo anche modo di combattere battaglie più precise.

Non si può sapere se la tutela del diritto all’ambiente sarà portata avanti nel modo corretto o con poca serietà ma è evidente che tutti i soggetti che avranno le giuste competenze per agire in questo campo si faranno trovare appetibili (ed appetiti) da un mercato del lavoro evoluto sempre più attento a dove va il nostro bel Pianeta Terra e la gente che lo abita da secoli.

*** Forse ti interessa sapere qualcosa anche sulla bonifica ambientale di cui parliamo diffusamente in questo articolo ***

Ora sul tema dell’inquinamento atmosferico non sei più a digiuno. Non restare a digiuno neanche di quel che ti serve sapere sulla tua carriera accademica e post accademica.

Trovi molto sul sito ufficiale dell’università Niccolò Cusano ma anche tra le righe degli articoli del nostro blog accademico della città dell’Aquila. Se poi hai una domanda precisa che non trova risposta (e pace) per queste vie, faccela attraverso il nostro form informativo.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali