informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Musica per studiare meglio: 5 playlist per la tua concentrazione

Commenti disabilitati su Musica per studiare meglio: 5 playlist per la tua concentrazione Studiare a L'Aquila

Musica per studiare meglio? Tra le diverse procedure per migliorare l’apprendimento sui libri c’è anche quella che si basa sul supporto delle sette note. Ci sono i contro ma anche i pro a mettersi in cuffia mentre si sta concentrati sulla preparazione per un esame e molto dipende dalla tua singola indole. Se ami le canzoni e credi non sia necessario il silenzio assoluto per studiare, questa guida la troverai molto interessante.

L’uso sociale della musica è risaputo fin dalla notte dei tempi. In Grecia andavano in guerra con soldati che suonavano tamburi e corni per galvanizzare le truppe e accendere la scintilla dei ragazzi con spada e scudo in mano. Col passare del tempo s’è data una base scientifica a questa felice intuizione ed ora ci si chiede quanto e se una canzone possa aiutare un ragazzo a memorizzare un concetto.

E’ indubbio che esista un legame tra un certo tipo di ascolto ed un apprendimento di qualità, per cui vale la pena di approfondirlo in questo articolo. Buona lettura e poi… buon ascolto con la musica per studiare meglio.

Musica per studiare meglio? Ecco i pro e i contro.

Perché non studiare con la musica

La mente, di fronte ad un testo da seguire, rischia di distrarsi. Non tutti, infatti, hanno la capacità di leggere qualcosa su un libro senza ascoltare quello che dicono le parole di una canzone. Se poi questa canzone è in italiano, e la comprensione è quindi evidentissima, lo scoglio si fa ancora più alto ed irto. Non confondere la mente durante l’apprendimento sembra una regola aurea e semplice ma non lo è per tutti.

Non solo. Per quanto piacevole, o per lo meno gradito, sia l’ascolto in cuffia, gli psicologi cognitivi hanno dimostrato che esiste una base di “rumore bianco“, cioè un rumore di fondo che la mente percepisce e che registra volente o nolente. Per dirla senza troppi giri di parole, ti sobbarco un peso ulteriore rispetto allo sforzo dell’apprendimento e potrebbe non essere una mossa giusta.

Perché studiare con la musica

Analizzati gli svantaggi di studiare con la musica, è ora di dare corpo anche a chi invece non sta mai col silenzio nella testa. Innanzitutto il problema del testo da seguire può essere bypassato grazie a canzoni in lingua straniera (inglese ma non solo) o, ancor meglio, con la musica classica strumentale dove non c’è il canto. Poi va detto che il contrappasso del rumore bianco delle canzoni sta nella carica di adrenalina di una canzone che può fare la differenza quando sei un po’ a corto di energie ma hai ancora tanto da studiare. Un esempio? Tutto il mondo sa come “Eye of tiger” abbia montato i muscoli di Rocky aka Silvester Stallone.

Musica per lo studio

Ora che ti sono chiari i contorni del tema della musica per studiare meglio, è bene entrarci dentro… nel vivo. Se appartieni alla categoria di chi in cuffia sta meglio e rende meglio sui libri, la domanda vera è: cosa ascoltare per rendere al top? Ecco 3 playlist di Spotify che ti daranno la carica.

Jazz rilassante per studiare

Nell’ottica di mettere da parte le parole e le canzoni come forma di intrattenimento, qua si tratta di brani musicali intensi ed emozionanti ma che lavorano a livello inconscio per cui solo a supporto dello studiare con la musica. Più di 80 musiche strumentale all’insegna dell’improvvisazione tra sax e piano in stile liberty.
Più di 150 brani per un totale di quasi sette ore e mezza di brani rilassanti e interamente suonati al piano. Un tocco leggero, angelico, ideale per tutti quelli che amano le canzoni intense e in grado di farci sentire in pace con il mondo. Insomma, se cercate musica rilassante per lavorare al pc e trascorrere il tempo in ufficio, avete trovato quello che fa per voi.

Paecuful piano

In questa playlist per studiare ci sono più di 150 brani per un totale di quasi sette ore e mezza di brani rilassanti e interamente suonati al piano. Un tocco leggero, angelico, ideale per tutti quelli che amano le canzoni intense e in grado di farci sentire in pace con il mondo. Insomma, se cerchi musica rilassante per lavorare sui libri bene, ecco quel che fa per te.

Acoustic Concentration

In questa compilation di musica per studiare hai due ore e mezza di interludi e melodie arpeggiate con la chitarra che ti faranno sentire in Paradiso. Chitarre acustiche e nylon suonate con un tocco delicato all’insegna di un perfetto connubio fra armonia e relax e ideale per un sottofondo diverso dalle solite melodie al pianoforte.

Musica italiana per studiare

E in Italia? Non siamo da meno. Abbiamo spiegato che la presenza delle parole in italiano in una canzone può complicare lo studio ma anche che questa regola non vale per tutti. Se ti piace la scena italiana e la vuoi “usare” per migliorare l’apprendimento, non ti resta che allargare i tuoi orizzonti da Spotify a Youtube.

Ecco la lista dei video che aiutano a studiare meglio e cioè di musica per studiare meglio:

  1. Ovunque proteggi – Vinicio Capossela
  2. Amore che vieni, amore che vai – Fabrizio De Andrè
  3. Diamante – Zucchero
  4. Piango da uomo – Bussoletti
  5. Giudizi universali – Samuele Bersani
  6. La cura – Franco Battiato
  7. Case stregate – Dimartino
  8. Radioattività – Baustelle
  9. Caruso – Lucio Dalla
  10. Avrai – Claudio Baglioni
  11. La donna cannone – Francesco De Gregori
  12. Quando – Pino Daniele
  13. Via con me – Paolo Conte
  14. Almeno tu nell’universo – Mia Martini
  15. La descrizione di un attimo – Tiromancino
  16. Passione – Neffa
  17. Mentre dormi – Max Gazzè
  18. E dimmi che non vuoi morire… – Patty Pravo
  19. Il cielo in una stanza – Gino Paoli
  20. Stelle di stelle – Claudio Baglioni e Mia Martini
  21. Sogna, ragazzo, sogna – Roberto Vecchioni
  22. L’ultimo bacio – Carmen Consoli
  23. Sally – Vasco Rossi
  24. Altrove – Morgan
  25. Emozioni – Lucio Battisti
  26. Stormi – Iosonouncane
  27. America – Gianna Nannini
  28. Mi sono innamorato di te – Luigi Tenco
  29. Kurt Cobain – Brunori Sas
  30. Signor Tenente – Giorgio Faletti
  31. Tu, forse non essenzialmente tu – Rino Gaetano
  32. Cirano – Francesco Guccini
  33. Audioricordi – Meg
  34. Le navi – Daniele Silvestri
  35. Solo per te – Negramaro
  36. La costruzione di un amore – Ivano Fossati
  37. E la luna bussò – Loredana Bertè
  38. Costruire – Niccolò Fabi
  39. Ma che freddo fa – Nada
  40. Se telefonando – Mina
  41. Guarda che luna – Fred Buscaglione
  42. Sorella mia – Sergio Cammariere
  43. La notte – Arisa
  44. Ritornerai – Bruno Lauzi
  45. Maracaibo – Lu Colombo
  46. Perdere l’amore – Massimo Ranieri
  47. Un altro posto nel mondo – Mario Venuti
  48. Il mondo – Jimmy Fontana
  49. Ubriaco canta amore – Bandabardò
  50. L’arcobaleno – Adriano Celentano
  51. Mi fido di te – Jovanotti
  52. Non arrossire – Giorgio Gaber
  53. Notte prima degli esami – Antonello Venditti
  54. Non siete Stato voi – Caparezza
  55. Quello che le donne non dicono – Fiorella Mannoia
  56. Pigro – Ivan Graziani
  57. Urlando contro il cielo – Luciano Ligabue
  58. Sole Spento – Timoria
  59. Uomini soli – Pooh
  60. Film muto – Nobraino

*** Se poi tutto questo ascolto sulla musica per studiare meglio ti ha ispirato e vuoi passare dall’altra parte del selciato, dai libero sfogo alla tua vena artista e immortalati con queste app per fare video di cui parla l’articolo ***

Ora che sai che la musica per studiare meglio esiste e che ti abbiamo suggerito qualche pezzo da infilare nell’iPod, non ti resta che impegnarti ancora di più sui libri. Ricordati che alla base del tuo successo accademico c’è l’informazioni e con noi puoi sapere tutto.

Tanto lo apprendi dal sito ufficiale dell’università Niccolò Cusano e tanto altro lo apprendi leggendo con costanza gli articoli del nostro blog accademico della città dell’Aquila. Infine, attraverso il nostro form informativo, puoi davvero toglierti ogni dubbio finale chiedendoci esattamente quello che ti serve di sapere.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali