informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è il rischio assicurativo e a cosa serve

Commenti disabilitati su Cos’è il rischio assicurativo e a cosa serve Studiare a L'Aquila

Rischio assicurativo? Capire come si identifica un rischio in una polizza assicurativa ha un duplice vantaggio. Come “fruitore” dei prodotti di settore, significa che hai gli strumenti per comprendere se sei preso in giro o se sei, invece, trattato bene. Come possibile professionista, invece, significa che possiedi il concetto attorno a cui ruota questo mondo.

La definizione di rischio assicurativo, infatti, crea, a cascata, tutta una serie di concetti da cui si dipanano le professionalità del mondo assicurativo e le possibilità di creare prodotti nuovi o, comunque, di successo. Si tratta, in sintesi, di avere in mano il potere di gestire know-how.

Se stai seguendo o hai già seguito studi accademici di Economia, è intelligente valutare di trovare lavoro nel settore assicurativo e questa guida ti aiuterà molto in tal senso. Buona lettura.

Rischio assicurativo? Gli esperti lo definiscono

“un evento futuro, incerto e dannoso, che, se non ricade in queste condizioni, non è considerato un rischio assicurabile”

Concetto affascinante ma complesso che merita un approfondimento.

Le tipologie di rischio

Stando a quanto appena letto, si possono contrattualizzare a livello assicurativo solo 2 casi che sono i seguenti:

  • gli eventi futuri;
  • gli eventi probabili.

Quelli  certi o passati non rientrano nella casistica di quelli assicurabili.

Esempi di eventi assicurabili

Se la passata settimana hai subito un furto in casa o in macchina, è qualcosa di passato e di erto (perché già avvenuto) e quindi è un rischio non assicurabile.

Se, invece, compro un’automobile costosa e di lusso e presumo che possa far gola ai ladri, allora, ha senso che io mi tuteli con i giusti strumenti. In questo caso è un rischio assicurabile.

Gli elementi fondamentali del rischio

Devono essere in piedi precisi presupposti per stipulare un contratto di assicurazione e questi presupposti sono tre e cioè che un rischio ricada all’interno di queste situazioni secondo cui:

  1. sia futuro (non ti hanno ancora rubato l’auto);
  2. abbia piglio incerto ed imprevedibile (non è certo che il furto accada né si può sapere esattamente quando);
  3. risulti dannoso (perdere una macchina di lusso è un danno economico).

Senza il rispetto di questi 3 punti cardinali del rischio assicurativo, nulla è assicurabile.

Il Codice Civile e l’assicurazione

Accertata la validità di rischio assicurativo, è possibile stipulare un contratto di assicurazione che è uno dei contratti tipici previsti dal nostro ordinamento, regolato agli artt. 1882-1932 del Codice Civile.

Il diritto delle assicurazioni

Nonostante la presenza dei contratti assicurativi nel Codice Civile, è questa precisa branchia della Giurisprudenza che disciplina l’attività assicurativa, cioè quel complesso di rapporti che nascono da essa. Riportare pedissequamente l’obiettivo di questo corpus di leggi ti farà capire come ci si muove in questo settore:
“il diritto delle assicurazioni ha lo scopo di spostare la sopportazione di un rischio da un patrimonio a un altro che sia tecnicamente organizzato per fronteggiare quel rischio mediante il fondo raccolto con le contribuzioni degli assicurati. Sono pertanto elementi del rapporto assicurativo l’impresa assicuratrice, il rischio, il premio”

L’elemento dell’impresa assicuratrice

Risulta evidente il peso, in questo settore del concetto di rischio assicurativo e di consequenziale premio. Meno chiaro, invece, è l’importanza di un’organizzazione aziendale nel mondo delle assicurazioni. Per rendere oggettivo e, quindi, quantificabile il mercato.
Secondo la definizione di impresa assicuratrice, infatti, è necessario che ci siano soggetti che si occupino:
“metodicamente dell’assunzione d’una somma di rischi omogenei tale da essere fronteggiata esattamente da una somma di premi. È nella maggior possibile precisione di queste equazioni che consiste uno degli elementi caratteristici dell’attività sistematicamente dedicata alle assicurazioni. La quale caratteristica è comune tanto alle assicurazioni esercitate da società commerciali quanto alle mutue assicuratrici”
Mediante il contratto d’assicurazione “un’impresa, costituita per l’esercizio di questi affari, si assume il rischio altrui mediante un premio anticipatamente fissato”.

Il contratto assicurativo

Non è materia semplice questa del rischio assicurativo. Abbiamo compreso che è da esso che scaturisce il business ma anche che questo business si struttura grazie agli strumenti dei contratti assicurativi. Vediamo di capirne meglio l’essenza.

Secondo gli esperti del mondo delle assicurazioni, un contratto deve essere:

  • sinallagmatico;
  • aleatorio;
  • unico.

Sinallagmatico

Questo significa che la più importante caratteristica del contratto assicurativo è che non presuma una sola parte ma due dove ci siano obblighi reciproci. L’assicurato deve pagare il premio e la compagnia assicuratrice deve versare la somma assicurata o la somma corrispondente all’indennità per il sinistro.

Aleatorio

Cosa significa? Che nello stipulare un contratto assicurativo:
“per ambedue i contraenti o per l’uno di essi il vantaggio dipende da un avvenimento incerto (come da art. 1102 cod. civ.)”
Esempio di contratto assicurativo aleatorio è quello che regolamenta la polizza sulla vita dove l’elemento della morte del soggetto è chiaramente non prevedibile.

Unico

Tale deve essere la scrittura privata assicurativa tra le parti per tutta la sua durata anche se, eventualmente, divisa in termini periodici. Perché? Perché questa eventuale suddivisione non andrebbe a toccare l’essenza del contratto ma sarebbe semplicemente una modalità che agevola il pagamento del premio.

L’aggravamento del rischio

Nell’ottica di avere una visuale completa del rischio assicurativo è bene conoscere anche questa opportunità. Come spiega il sito dell’Ivass, se un rischio sottoscritto cambia, diventando più forte, il contraente è obbligato a dirlo immediatamente all’assicuratore.

Azioni dell’assicuratore

Su come rispondere all’aggravamento del rischio l’assicuratore ha diverse opzioni. Conoscerle tutte significa avere il giusto know-how. L’assicuratore può:

  • recedere dal contratto dandone comunicazione per iscritto all’assicurato entro un mese dal giorno in cui ha ricevuto l’avviso;
  • modificare le condizioni di polizza sottoscritta.

Caratteristiche del sinistro

Qualora il sinistro si verifichi prima che siano trascorsi i termini per la comunicazione e per l’efficacia del recesso, tra gli obblighi dell’assicuratore non c’è il rispondere qualora l’aggravamento del rischio sia tale che egli non avrebbe consentito l’assicurazione se il nuovo stato di cose fosse esistito al momento del contratto.

In caso contrario, la somma dovuta è ridotta, per via del rapporto tra il premio stabilito nel contratto e quello che sarebbe stato fissato se il maggiore rischio fosse esistito al tempo del contratto stesso.

Limiti delle modifiche

Non è affatto secondario che la modifica dello stato del rischio assicurativo abbia dei paletti. Ci sono situazioni e situazioni e i confini andavano messi e sono stati messi. Un contratto assicurativo, anche nella sua modifica, deve essere lecito.

Se, per esempio, aumentano esponenzialmente le possibilità che un’auto sia rubata perché non c’è più un garage o perché il contraente si trasferisce in un quartiere a forte rischio di criminalità, l’assicuratore potrebbe non considerare più interessante e profittevole sottoscrivere una polizza.

*** Nel cercare di comprendere cosa sia il rischio assicurativo, che tu sia da una parte o dall’altra del tavolo, ti tornerà comodo seguire i consigli su come essere un buon conversatore che esponiamo in questo articolo ***

Adesso hai negli occhi i confini dell’idea del rischio assicurativo. Rendi solido e concreto tutto questo con i giusti studi di cui puoi scoprire tutto in pochi click.

Dal nostro blog accademico della città dell’Aquila, infatti, hai modo di leggere tutti gli articoli che pubblichiamo sulle novità dei corsi, le informazioni tecniche e i trend del mercato lavorativo (di cui questa guida è un esempio).

Attraverso il nostro form informativo, invece, potrai farci direttamente tutte le domande che vuoi per essere certo di non aver lasciato dubbi inespressi alle spalle.

Pochi click, appunto, e immediata risposta alla tua sete di sapere.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali